informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 9 invenzioni del 21 secolo che hanno cambiato il mondo

Commenti disabilitati su Le 9 invenzioni del 21 secolo che hanno cambiato il mondo Studiare a Perugia

Il 21 secolo è stato denso di nuove invenzioni: l’innovazione tecnologica ha dato una fortissima spinta creativa contribuendo alla nascita di scoperte che hanno cambiato il nostro modo di vivere. Dalle invenzioni in campo medico a quelle nel campo della comunicazione, sono moltissime le innovazioni che hanno migliorato la nostra quotidianità, le nostre relazioni e il nostro lavoro.

Elementi che, per noi, sono oggi la quotidianità come social media, app e intelligenza artificiale sarebbero stati impensabili solamente trent’anni fa; oggi esperti e scienziati di tutto il mondo hanno rivoluzionato i nostri consumi e le nostre abitudini. In questo articolo, vogliamo farti scoprire le 9 invenzioni del 21° secolo che hanno cambiato il mondo. Iniziamo subito.

Le invenzioni più importanti del nuovo millennio

Che tu sia uno studente di ingegneria meccanica a Perugia, di scienze politiche o economia, le nuove scoperte del 21 secolo sono uno degli argomenti più interessanti da conoscere. Vediamo tutto quello che dovresti sapere al riguardo.

Realtà aumentata

Tra le 9 invenzioni del 21 secolo che hanno cambiato il mondo, non possiamo non citare la realtà aumentata, una tecnologia che “aggiunge” qualcosa alla realtà.

Nonostante venga, ancora oggi, vista come un’innovazione del futuro, la realtà aumentata esiste da anni e ha trovato grande applicazione nel campo dell’entertainment. Qualche esempio?

Le app per smartphone come il gioco Pokémon Go e i filtri Snapchat sono solo due giochi popolari che mettono al centro del loro funzionamento la realtà aumentata. Attualmente tecnologia viene adottata in ambiti molto diversi tra di loro, come quello della cinematografia, della sanità, della moda e dell’istruzione.

Stampa 3D

Molte invenzioni scaturite dalla mente umana nel corso dei secoli sono lo sviluppo di idee già esistenti e la stampa 3D non fa eccezione. Infatti possiamo considerare come “antenata” della stampa 3D la produzione di mappe topografiche alla fine del XIX secolo; la tecnologia come la conosciamo oggi ha conosciuto una vera evoluzione nel 1980. La convergenza di metodi di produzione più economici e software open source, tuttavia, ha portato ad una vera e propria spinta propulsiva della stampa 3D negli ultimi anni. Oggi, tale tecnologia viene utilizzata nella produzione di moltissimi oggetti, dalle componenti per le auto a basso costo ai ponti fino ad arrivare alla produzione di protesi artificiali.

Endoscopia a capsula

I progressi nel campo della progettazione ottica negli anni ’90 hanno portato alla nascita dell’endoscopia a capsula, impiegata per la prima volta nel 2001. Questa tecnologia si serve di una minuscola telecamera wireless delle dimensioni di una pillola vitaminica che, una volta ingerita, permette un’osservazione interna completa.

Mentre la capsula attraversa il tratto digerente, i medici possono esaminare il sistema gastrointestinale in modo molto meno invasivo per il paziente. L’endoscopia a capsula può essere utilizzata per identificare la fonte di sanguinamenti interni, infiammazioni,  ulcere intestinali e neoplasie.

Cuore artificiale

I cuori artificiali sono una delle invenzioni più importanti e innovative nel campo medico. Stiamo parlando di dispositivi meccanici collegati al cuore organico o impiantati nel torace del paziente per sostituire un organo non più in grado di svolgere la sua funzione. Attualmente diverse aziende che operano nel campo del biomedicale hanno sviluppato prototipi di cuori robotici composti plastica e titanio, spesso alimentati a batterie. Il primo cuore artificiale è stato ricevuto dal signor Robert Tools, un bibliotecario con insufficienza cardiaca congestizia, il 2 luglio 2001.

Lettore Ebook

Per gli amanti della lettura, gli ebook reader sono stati una vera rivoluzione. Chi avrebbe mai detto che sarebbe stato possibile leggere centinaia di libri grazie ad un solo piccolo dispositivo?

I primissimi e-book reader sul mercato utilizzavano un display elettroforetico microincapsulato, comunemente indicato come e-ink. La tecnologia e-ink, che imita l’inchiostro su carta era in realtà in circolazione dagli anni ’70.

La popolarità degli e-reader è diminuita con la crescita esponenziale di smartphone e tablet, ma continuano ad attrarre i lettori di tutto il mondo.

Retina artificiale

Le protesi retiniche hanno rappresentato un vero punto di svolta per coloro che soffrono di retinite pigmentosa, una condizione degenerativa ereditaria che può portare alla cecità.

Il funzionamento di questi dispositivi replica l’attivazione dei fotorecettori, che producono un segnale elettrico che attraverso il nervo ottico raggiunge il cervello. Quando i fotorecettori sono debilitati da malattia come la retinite pigmentosa l’impianto di questo microchip può in parte rimpiazzare la loro funzione.

Blockchain

Si sente spesso parlare di blockchain, ma c’è ancora poca chiarezza sull’argomento. La blockchain è un modo innovativo per registrare le transazioni tra le parti, una sorta di “libro mastro digitale” condiviso e accessibile per tutti i membri di una rete peer-to-peer in cui la blockchain è registrata e archiviata.

La tecnologia è stata implementata per la prima volta nel 2008 per Bitcoin, la prima criptovaluta decentralizzata, ma da allora è stata adottata dal settore finanziario e da altri settori per diversi utilizzi, inclusi trasferimenti di denaro, monitoraggio della catena di approvvigionamento e sicurezza alimentare.

Auto ibride

L’auto ibrida è stata una delle invenzioni più interessanti del 21 secolo. Le auto ibride hanno un motore elettrico accanto a quello tradizionale propulsore, che può essere alimentato a benzina o a gasolio. In questo modo è possibile tagliare l’utilizzo del carburante e ridurre le emissioni di CO2 nell’aria, con evidenti benefici ambientali.

In generale, il mondo dell’automotive è in continua evoluzione e le nuove invenzioni stanno toccando anche le modalità di alimentazione.

Social Media

I social media hanno cambiato radicalmente il modo di comunicare. In particolare, uno dei social nati nel 21 secolo è Facebook. Facebook è, ancora oggi, uno dei social media più importanti ed utilizzati in assoluto. Grazie a questo strumento, amici d’infanzia di tutto il mondo hanno potuto rincontrarsi, appassionati hanno potuto riunirsi in gruppi e aziende hanno potuto comunicare più direttamente con i clienti. Non solo Facebook però: molto popolari anche Instagram e TikTok, soprattutto tra i più giovani. Per il lavoro, il social di riferimento è LinkedIn.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali