informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come fare meditazione (e perché ti aiuta a concentrarti)

Commenti disabilitati su Come fare meditazione (e perché ti aiuta a concentrarti) Studiare a Perugia

Sei alla ricerca di consigli su come fare meditazione? Se sei uno studente universitario o, semplicemente, vuoi avvicinarti ad una pratica che favorisce il rilassamento e ad aumentare la concentrazione, sei nel posto giusto.

La meditazione è un ottimo strumento se cadi spesso preda all’ennesima crisi di nervi, se ti senti appesantito dall’ansia e dallo stress o vuoi trovare un modo diverso per ritrovare benessere e concentrazione. Non è magia, ma una pratica orientale antichissima, capace di accrescere la consapevolezza e diminuire stress ed ansia, favorendo un approccio più sereno e calmo verso se stessi e la vita.

Come si medita? Esistono vari modi per praticarla e numerose “scuole”. L’importante è che tu sappia che i benefici e i risultati sono gli stessi, non importa quale tipo tu scelga nel tempo. Attraverso questa guida potrai avere un primo approccio con la meditazione per principianti. Cominciamo!

Meditazione per principianti: ecco come iniziare a meditare

Se sei qui perché cerchi un modo per cominciare con la meditazione per principianti, sei nel posto giusto. Vedremo come meditare, aumentare la concentrazione, rilassamento, i benefici della meditazione come iniziare. Alla fine di questa guida, saprai come fare meditazione e non resterà altro che tanta pratica. Ecco i primi passi da muovere.

Perché meditare?

Ci credi che sono stati trovati oltre 70 reali benefici della meditazione, provati scientificamente? Eccone alcuni:

  • Rimedio naturale contro ansia, stress e depressione
  • Aumenta la concentrazione e migliora la memoria
  • Favorisce il rilassamento e aumenta produttività e creatività
  • Riduce del dolore fisico
  • Abbassa la pressione (abbinando meditazione a dieta adeguata ed esercizio fisico)
  • Aiuta a gestire la sindrome ADHD (deficit attenzione e iperattività)

In base a queste motivazioni, è facile capire perché questa pratica ti aiuti a stare meglio fisicamente e psicologicamente e, di conseguenza, migliori nettamente la tua abilità di concentrazione. Concentrandoti meglio, potrai studiare di più e soprattutto con una maggiore qualità.

Come iniziare? Il primo passo

La meditazione devi vederla come una specie di rituale. Non ha nulla a che fare con la religione o l’esoterismo, ma è un rituale per la mente. Una riconciliazione con la propria mente, che spesso non è libera di rimanere in pausa, nemmeno in sonno.

Dunque, per la meditazione, come iniziare? Si parte dalla posizione seduta chiamata Vairocanain. Questo perché favorisce la stabilità mentale e fisica.

Per prima cosa, cerca un posto che ti infonda pace e armonia. Se sei in un luogo distraente, sarà più complicato. Poi, mettiti in questa posizione:

  • gambe incrociate nella posizione del loto;
  • mano destra sulla mano sinistra, vicino l’ombelico, palmi rivolti verso l’alto, punte dei pollici leggermente che si toccano;
  • schiena dritta ma rilassata;
  • bocca rilassata, lingua appoggiata al retro dell’arcata dentale superiore;
  • testa leggermente inclinata in avanti, mento vicino al collo;
  • occhi semiaperti rivolti verso il basso;
  • spalle dritte, aperte e rilassate

Cerca dei video su musica per la meditazione. Se ti distrae, seleziona solo quelli che riproducono un suono (in genere una campana tibetana) a inizio e fine sessione, così potrai scandire il tempo.

Come si medita?

Come si medita è forse la domanda più complessa a cui rispondere. Come ti abbiamo detto, esistono vari modi su come meditare. Ti starai immaginando la tipica posizione seduta come i monaci buddhisti, e questa è quella più famosa e adatta per inesperti. In realtà esistono numerose pratiche.

Meditazione significa riflessione. Lo scopo è aver maggior padronanza della propria mente, focalizzare l’attenzione su se stessi, cercando di percepire sensazioni, emozioni, pensieri. Per fare questo, ogni occasione può andare bene.

I più esperti meditano mentre camminano, cucinano, fanno giardinaggio. L’importante è che il movimento fisico non interferisca con l’attività mentale. Se devi cucinare ma pensi costantemente a come procedere con la ricetta, ovviamente non funzionerà.

Per i principianti è dunque consigliata la classica posizione seduta, che ti abbiamo illustrato nel paragrafo precedente.

Quando ti sei sistemato/a, comincia a trarre respiri profondi ed esalare poi tutta l’aria. La respirazione deve essere lenta, costante, omogenea. Non respirare con la parte superiore del corpo, usa la pancia.

Pensa al tuo corpo fisico, a ciò che senti.

Quando sopraggiunge un pensiero, una distrazione, non annientarla. Accettala, contemplala, analizzala e poi allontanala, consapevole che in questo momento non è necessaria.

Concentrati sulla respirazione. Allontana, come se avessi una piuma in mano, tutto ciò che arriva per interferire.

Visualizza il tuo corpo e il tuo spirito nello spazio. Senti il peso del tuo corpo, il movimento di pancia e petto, che si muovono a ritmo come onde del mare. Un mare calmo e pacifico.

Cerca di non pensare a nulla di preciso, non immaginare, ma ascolta il tuo corpo e come la tua mente reagisce a questo stato di quiete.

Non esiste un unico modo su come fare meditazione, cerca solo di focalizzarti su poche cose che riguardano il “qui e ora”.

Quante volte e quando meditare

La meditazione richiede tempo e costanza per apportare a buoni risultati. Non è importante quanto tempo si medita, ma la qualità della meditazione. Pochi minuti di corretta pratica, sono più efficaci di ore piene di distrazioni. Per ottenere risultati e benefici, occorre meditare ogni giorno. Ritagliati uno spazio tuo e del tempo. Non esiste un orario preciso più adatto, ma devi sceglierlo in base a quando senti di essere nella calma e in rilassamento. Giorno dopo giorno, acquisirai maggior consapevolezza e padronanza su come meditare.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali